Cineaste n.37: Spregiudicate come Raffaella Carrà

Buongiorno,

oggi inizio con una buona novella: il documentario diretto da Claudia Cipriani sui lavoratori e le lavoratrici dello spettacolo (di cui sono l’ufficio stampa): L’ultima ruota è disponibile per sale, festival e rassegna che vogliano proiettarlo scrivendo a info@ghirofilm.it [qui il trailer, qui la regista ne parla a Radio Popolare]

Ma che strano scrivere una newsletter a poche ore dalla dipartita di un mito come Raffaella Carrà. Tuttə la ricordano e io vorrei porre l’accento sul suo cinema e la sua politica.

Dunque, dopo essersi diplomata al Centro Sperimentale di Cinematografia è stata interprete di ben 27 film (di Monicelli, Lizzani, Bellocchio, Vancini, De Bosio e altri) come attrice (alcuni sono su Raiplay, gratis, altri su altre piattaforme). E poi la sua idea di servizio pubblico come conduttrice in Rai, il rispetto dei lavoratori delle fabbriche, la sfida alle convenzioni, anche sessuali che l’ha resa un’icona - non solo per la comunità queer, ma per diverse generazioni di italianə, di ogni genere e orientamento. E ci ha fatto dire anche con le lacrime agli occhi “Raffaella è mia, mia, mia” come cantava Tiziano Ferro in un’esplosione di gioia. 

Ancora qualche altro ricordo, oltre a quelli linkati qui sopra:

La traduzione di un articolo di El Español, che come altri giornali spagnoli e del Sud America la ricorda come comunista, femminista e amica della comunità lgbt+;

“Voto comunista” (era il 1977) e altre sue affermazioni passate alla Storia (in spagnolo);

Il sindacalista Giorgio Cremaschi su Domenica In, quando era condotta dalla Raffa, che aiutò la lotta di classe e gli operai dando loro la parola dopo che Confindustria aveva parlato abbastanza;

La sua visita in Perù durante la dittatura;

Come scrive il Guardian, aveva un rapporto sereno con la sessualità (quando altre no);

E quella volta che convinse l’idolo degli anni novanta Luke Perry a parlare in italiano a una fan (VIDEO)?

Qui tutto quello che si può trovare con lei e su di lei su Raiplay, gratis,  e nella foto qui sotto lei ne I compagni di Mario Monicelli.

COSA VEDERE AL CINEMA QUESTA SETTIMANA

Il film più atteso è l’esordio alla regia dell’attrice Michela Cescon, in cui due commissari cercano di capire l'identità di un rapinatore seriale. Con Valeria Golino.

Disco Ruin di Lisa Bosi e Francesca Zerbetto racconta la rivoluzione incompresa della club culture italiana: il Piper, il Cocoricò e molti altri luoghi leggendari.

La Marvel fa uscire Black Widow di Cate Shortland, in cui Scarlett Johannsson interpreta Natasha Romanoff, costretta alla fuga dopo gli eventi di Captain America: Civil War, ma soprattutto costretta ad affrontare il proprio passato.

Di Una donna promettente di Emerald Fennel e Nomadland di Chloé Zhao, ancora nelle sale, abbiamo già parlato parecchio, a partire da quando hanno concorso agli Oscar. E anche di Maledetta primavera di Elisa Amoruso.

https://www.mymovies.it/cinema/

ALTRI APPUNTAMENTI IN PRESENZA

A Roma, grazie ai Ragazzi del Cinema America, Piazza San Cosimato diventa tutta di Céline Sciamma: ogni giovedì di luglio verrà proiettato un suo film, in attesa dell’uscita di quello presentato al Festival di Berlino e quello sceneggiato con Audiard in questi giorni al Festival di Cannes. E se vuoi farmi un regalo di compleanno, il 19 luglio sono 40 ed esce il libro che ho dedicato a questa grande regista insieme a Federica Fabbiani, con testi nostri e di Silvia Nugara, Elisa Cuter, Daniela Brogi, Ilaria Feole, e la postfazione di Ilaria A. De Pascalis. Disponibile nel sito della casa editrice Asterisco e negli store digitali già ora per il pre-acquisto.

Il Festival di Venezia - perché quando dico Mostra non mi capisce quasi nessunə - ha scelto di mettere in streaming fino al 22 luglio su MyMovies.it 36 film delle passate edizioni (e una parte del festival a settembre sarà on line). Segnalo Tales di Rakhshan Banietemad (foto qui sotto), Hava, Maryam, Ayesha di Sahraa Karimi e Yema di Djamila Sahraoui.

Al festival Sole Luna a Palermo (5 - 11 luglio), per il quale ho lavorato un anno, i documentari sono sempre stati bellissimi e lo rimarranno di sicuro finché a dirigerlo saranno i registi Chiara Andrich e Andrea Mura. Qui la programmazione in streaming su OpenDDB. Tra i film selezionati: Alganesh di Lia Beltrami e Marianna Beltrami (foto qui sotto), Libere di Rossella Schillaci, My Home In Libya di Martina Melilli, For Sama di Waad al-Kateab, e Edward Watts, Africa bianca di Filippo Foscarini e Marta Violante. I temi dell’identità e dei diritti sono sempre al centro di questo festival non abbastanza conosciuto. Gli incontri aperti non sono da meno: si parlerà di diversity, rappresentazione del corpo nero, alterità e tokenism con Marilena Delli Umuhoza e Nadeesha Uyangoda, poi di artisti di strada dai paesi meno rappresentati del mondo e razzismo nella musica con Ian Brennan e Marilena Delli Umuhoza. Ma anche di ambiente, di cinema documentario e molto altro. 

Il Social World Film Festival si svolge a Vico Equense dall’11 al 18 luglio, anche on line ed è gratuito. 52 paesi del mondo rappresentati, 90 eventi tra incontri, dibattiti, masterclass, attività con le giurie, e una sezione dedicata anche al Sud Italia, in cui vedremo Agalma di Doriana Monaco. INFO

A Torino, al cinema Massimo, due documentari: La versione di Jean, di Manuela Cencetti, Jean Diaconescu e Stella Iannitto, girato nel campo rom di Lungo Stura Lazio, e Fantasmi a Ferrania di Diego Scarponi, che racconta Ferrania, sempre in Piemonte: uno stabilimento dove sono stati creati rullini fotografici, pellicole cinematografiche, radiografie, lastre per la stampa e che oggi è un territorio desolato, in cui vivono numerosi ex lavoratori in cerca di una nuova direzione. Dopo le proiezioni saranno presenti gli autori. 9 e 16 luglio, INFO

SOLO IN STREAMING

Su IWonderFull, la sezione di MyMovies con i film di I Wonder Pictures, che è forse la più bella della piattaforma on line, arriva  Selfie di famiglia di Lisa Azuelos, che racconta, il desiderio di godere ancora per qualche giorno dell'amore di una madre per sua figlia, sapendo che poi il rapporto diventerà paritario, da donna a donna, ora che la ragazza andrà a studiare altrove. 

Gratis su Youtube, Instagram e Facebook, con CG Enterntainment, tre film sull’ambiente, tra cui Trashed - Verso rifiuti zero di Candida Brady, in cui l’attore Jeremy Irons ci conduce attraverso i cinque continenti, mostrando quanto l'inquinamento dell'aria, della terra e degli oceani, prodotto dai rifiuti, stia mettendo sempre più in pericolo la stessa esistenza del genere umano. Un atto d'accusa nei confronti della grande economia mondiale, ma anche un forte incitamento alla lotta e al cambiamento.

Su MUBI, che ricordo essere gratis per un mese per chi si abbona a Cineaste, arrivano i film di Kelly Reichardt. Con Wendy e Lucy abbiamo la conferma di come la società americana lasci da parte alcuni cittadini. Protagonista Michelle Williams.

COSA LEGGERE 

In libreria e on line in pdf, il nuovo numero della rivista Cineforum è tutto dedicato alle donne

In edicola, Rolling Stone fa uscire un numero speciale dedicato a 50 giovani icone di cinema e serie, tra cui i fratelli D'Innocenzo, Valentina Bellè, Benedetta Porcaroli, Linda Caridi e Andrea Carpenzano.

Per leggere le precedenti newsletter vai su cineaste.substack.com

Cineaste merita di essere sostenuta, non trovi? Leggi Come e perché sostenere Cineaste.

Se vuoi contattarmi scrivimi a cineaste@substack.com, rispondi a questa e-mail oppure utilizza i miei account sui social.

Grazie,

Chiara